2016: Aumenta la Fiducia degli Italiani Nell’Economia

Nonostante l’aumento del Prodotto Interno Lordo (PIL) italiano sia rimasto dello zerovirgola nel 2015, gli italiani sembrano avere una rinnovata fiducia per un miglioramento dell’economia nazionale nel corso dei prossimi dodici mesi.

A testimoniarlo è una ricerca realizzata dalla Randstad Workmonitor, una società di Risorse Umane olandese che ha condotto un’indagine sul cosiddetto sentiment dell’economia italiana.

“Quanto emerge dalla ricerca della Randstad Workmonitor fa ben sperare per il 2016 – perché anche l’aumento di liquidità che è seguito al ‘bazooka finanziario’ adottato dal Governatore della Banca Centrale Europea Mario Draghi negli scorsi mesi può davvero poco se la gente non ha fiducia nell’economia,” ha detto a SudNotizie Roberto Bande, analista finanziario del sito di trading online Guadagnare Opzioni Binarie.

“Già verso la fine del 2015 abbiamo notato un maggiore interesse per le attività sui mercati – specialmente nel campo delle opzioni binarie. Ora dobbiamo solo sperare che l’ottimismo degli italiani sia seguito da politiche intelligenti e non risenta del vento di crisi che arriva da Arabia Saudita e Cina,” ha continuato Bande.

Secondo l’indagine della Randstad Workmonitor, il 51% degli italiani si attende un miglioramento della situazione economica complessiva, mostrando un significativo aumento rispetto al 2015 – quando la stessa percentuale di ‘ottimisti era ferma al 37%.

Nonostante questo, c’è da dire che il risultato italiano rimane al di sotto della media internazionale – visto che la Randstad Workmonitor (che ha condotto la stessa ricerca in 34 Paesi) sostiene che l’ottimismo sull’andamento dell’economia sia in media del 58%,

Tra i motivi che spingono gli italiani ad avere maggiore fiducia nel 2016 c’è il fatto che il 61% dei lavoratori del Paese ritiene che la situazione finanziaria della propria azienda  sia migliorata nel corso del 2015 rispetto al 2014. Allo stesso tempo, il 75% degli intervistati è convinto che il proprio datore di lavoro avrà risultati finanziari migliori nel 2016 rispetto al 2015.

Questa fiducia nell’andamento dell’economia nazionale, però, non sembra destinata ad avere particolari ripercussioni nelle finanze personali dei lavoratori, visto che solo il 42% (+3% rispetto al 2015) ritiene che il 2016 porterà un aumento del proprio stipendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *