Arezzo, neonata trovata morta nella sua culla

La SIDS è l’acronimo con cui gli esperti identificano la sindrome della morte improvvisa del lattante, cioè il decesso improvviso e inspiegabile di neonati di età inferiore a un anno.

Questa sindrome, tanto spaventosa quanto imprevedibile, è la principale causa di morte nei neonati di età compresa tra un mese e un anno, anche se la maggior parte dei casi si verifica in un’età compresa tra i 2 e i 4 mesi, con un picco tra i bimbi nati prematuri e/o con basso peso alla nascita.

È stata la Sids a portarsi via la sfortunata protagonista della drammatica storia che vi raccontiamo oggi?

Troppo presto per dirlo: quel che è certo è che a Montevarchi, in un’abitazione del quartiere della Ginestra, in provincia di Arezzo, una neonata è stata ritrovata senza vita all’alba, dai suoi genitori.

La bimba, primogenita di una coppia residente in paese, non soffriva di alcuna patologia, ma era felice e serena.

All’alba, verso le 5 del mattino, suo padre si è avvicinato alla sua culla, per darle la poppata, ma l’ha trovata priva di sensi: la bimba non si muoveva e non respirava.

Disperata la chiamata al 118, ma i sanitari immediatamente accorsi sul posto non hanno potuto far nulla, anche applicando tutte le tecniche di rianimazioni possibili.

Ora la piccola è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale valdarnese di Santa Maria alla Gruccia, dove si accerterà se è stata proprio la SIDS a portarla via all’affetto dei suoi cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Lavoro nero. Blitz dei carabinieri a Napoli, 10 dipendenti in attività rischiose

I Carabinieri della stazione di Pianura, con la collaborazione del personale dell’Asl…

Antonio Landi coordinatore di Azzurra Libertà

“Il 50% dei cittadini ormai non va più a votare: è disilluso,…

In Sicilia la prima scuola di mummiologia del mondo

Il merito dell’apertura in Sicilia della prima scuola al mondo di mummiologia…

Abruzzo, comuni a rischio alluvioni e frane

Secondo l’ultimo rapporto di Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la…