Boom di turisti in Campania

Secondo i dati del Mibact sulle visite ai musei italiani, la Campania è seconda solo al Lazio con oltre 7 milioni di visitatori ai siti museali.

“Un bel segnale per la Campania che conferma il legame virtuoso tra cultura, ambiente e territorio. Sempre più visitatori scelgono questo percorso, visitando la straordinaria ricchezza dei nostri musei e poi magari soggiornando in agriturismo, alla scoperta di un patrimonio agroalimentare ugualmente unico al mondo. La Campania e il suo futuro sono legati alla capacità di far crescere insieme turismo e agricoltura, imboccando con intelligenza la strada di un nuovo modello di sviluppo che ruota intorno a patrimonio storico ed artistico, paesaggio e cibo”, commenta Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania

“La grande occasione che abbiamo per favorire questo processo virtuoso è nel Psr 2014-20, che vale 1 miliardo e 836 milioni di euro. A maggior ragione ribadiamo la necessità di pianificare gli investimenti partendo dal basso, registrando le esigenze e valorizzando le risorse delle cinque province. Il programma di sviluppo rurale può rappresentare la definitiva consacrazione di questo modello vincente”, conclude Masiello.

Ottimi anche i dati sulle visite alla maestosa Reggia di Caserta: “I dati sui visitatori della Reggia di Caserta nel 2015 sono ottimi sia perché confermano l’importanza del monumento a livello nazionale, sia per la Campania, che si conferma seconda regione dopo il Lazio e per il secondo anno di fila fa meglio della Toscana”, ha dichiarato un entusiasta Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta, “Siamo compiaciuti ma non appagati”, aggiunge, poiché l’obiettivo del suo incarico è di un “milione di visitatori che voglio portare alla Reggia entro la fine del mio mandato, che durerà quattro anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *