Campania trasporti, accordo tra Regione e RFI

Marco

“La Giunta regionale della Campania ha approvato lo schema di accordo quadro tra Regione Campania e Rfi (Rete ferroviaria italiana, gruppo Ferrovie dello Stato) che definisce i criteri di utilizzazione della rete e la disponibilità delle relative tracce per i servizi di trasporto pubblico locale su ferro”, lo afferma la stessa Regione Campania in un comunicato stampa.

“Con l’accordo – che entrerà in vigore con l’orario ferroviario del prossimo dicembre 2016 ed avrà una validità di 5 anni rinnovabili, su accordo espresso delle parti, per ulteriori 5 anni – la Giunta ha approvato anche il documento tecnico redatto con il supporto dell’agenzia campana per la mobilità sostenibile (AcaM), che definisce l’assetto dei servizi ferroviari regionali (quelli attualmente gestiti da Trenitalia e quelli di Eav su rete Rfi), in uno scenario di progressivo adeguamento degli stessi alle esigenze della domanda, tenendo conto anche del futuro potenziamento di infrastrutture, tecnologie e treni. Il documento è stato sottoposto a osservazioni e proposte da parte di tutti i soggetti interessati, attraverso il sito web dell’AcaM e una serie di incontri con associazioni e comitati di pendolari”, prosegue il comunicato.

“L’Accordo Quadro, oltre ad essere uno strumento di coordinamento e pianificazione per la gestione delle richieste pluriennali di disponibilità della rete di Rfi da parte della Regione, assume un ruolo indispensabile per dare attuazione alle funzioni di programmazione e di amministrazione del trasporto ferroviario di interesse regionale, e per garantire l’accesso alla rete da parte delle imprese ferroviarie affidatarie dei servizi a condizioni eque, non discriminatorie e trasparenti”, conclude.

Anche l’Agenzia campana per la mobilità sostenibile ha annunciato l’intesa tramite una nota sul proprio sito web, con scritto: “L’intesa tra Giunta regionale della Campania e Rete ferroviaria italiana definisce i criteri di utilizzo della rete e la disponibilità delle relative tracce per garantire il trasporto pubblico su ferro. L’intervento dell’Agenzia campana per la mobilità sostenibile (AcaM) è stato fondamentale nel tenere conto del futuro potenziamento di infrastrutture, tecnologie e convogli. Attraverso il sito web di AcaM anche le associazioni e i comitati dei pendolari hanno potuto partecipare alla stesura dell’Accordo, che entra in vigore a dicembre 2016 ed è rinnovabile per altri cinque anni, oltre i cinque previsti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Acqua, vertici Gori in audizione in Commissione Trasparenza

La Commissione speciale trasparenza al Consiglio della Regione Campania, presieduta da Valeria Ciarambino, del Movimento Cinque Stelle, ha tenuto un’audizione sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell’azienda Gori S.p.A.. Il Presidente della Gori, Amedeo Laboccetta, si è detto “Orgoglioso di rappresentare un’azienda a prevalente partecipazione pubblica che è strategica per […]