Esodo verso il sud: i governatori impongono la quarantena

Nella notte di sabato, quando è circolata la bozza di decreto che poi è stata effettivamente approvata ieri mattina e che prevede il divieto di entrata e di uscita dalla Lombardia e da altre 14 province, centinaia di persone, originarie del sud, per sfuggire al vincolo, si sono fiondate su treni, pullman ed aerei per tornare dai loro parenti.

Una scelta irresponsabile: se qualcuna di queste persone è infetta dal Coronavirus contribuirà inevitabilmente ad aumentare i contagi anche nelle regioni di origine, che finora sono riuscite a limitare i contagi.

Ecco allora che proprio i governatori di queste regioni hanno deciso di prendere drastiche decisioni: quarantena obbligatoria per quanti, in barba alle ordinanze, sono tornati al sud.

Nello specifico è stata prevista la quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva e obbligo di comunicazione alle autorità competenti per tutti coloro che sono arrivati e magari continueranno ad arrivare in Calabria, Puglia, Basilicata e Campania, ma anche in Sardegna Lazio e Toscana, dalla Regione Lombardia e dalle quattordici province (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro-Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia) della zona “arancione” collegate all’epidemia da coronavirus e individuate dall’ultimo decreto del Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Asinara come carcere per jihadisti

L’idea nasce dal segretario del Sappe Donato Capece: ritrasformare l’isola dell’Asinara in…

Salentini a rischio di salute per l’assunzione di alcol e droghe

Gli studenti salentini sono a rischio salute per l’accrescere dell’assunzione di alcol, fumo…

Palermo: 3 tifosi arrestati

Sono stati arrestati tre tifosi del Palermo mentre stavano accingendosi ad accendere…

Rissa nel centro di Palermo per la partita di calcio

Partita che valeva molto per entrambe le squadre: infatti la Lazio si…