Grotta Azzurra, ecco il perché del nome di questa meraviglia campana

La Campania è una delle regioni più belle d’Italia e d’Europa, potendo contare su un matrimonio naturale ed architettonico più unico che raro.

Per quanto riguarda le bellezze naturali, sono tanti i luoghi da visitare assolutamente, ma ce n’è uno celebre in tutto il mondo: la Grotta Azzurra?

Ma perché si chiama proprio così?

Cominciamo subito col dire che la Grotta azzurra si trova a Capri ed è una cavità naturale lunga circa 60 metri e larga circa 25. Il suo ingresso è largo appena due metri e largo solo uno: per questo per entrarci è necessario stendersi sul fondo della barca su cui si viaggia. 

La grotta Azzurra ha una apertura parzialmente sommersa dal mare, dalla quale filtra la luce esterna che crea un’intensa tonalità blu di colore, che rappresenta la caratteristica peculiare dell’antro.

L’ambiente diventa luminescente quando il sole batte sulle acque immediatamente esterne alla grotta: il momento migliore per visitarla è quindi l’orario di pranzo, dalle 12 alle 14.

Sconsigliato il pomeriggio dopo le 15, orario in cui comincia ad esserci meno luce ed inoltre il mare inizia ad ingrossarsi e le visite, per questo motivo, possono subire interruzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Primarie PD Napoli, bocciato il ricorso di Bassolino

Dopo lo scandalo dei brogli elettorali filmato da FanPage, Antonio Bassolino ha…

Bari: carabinieri camuffati arrestano 5 pusher

A Bari nei pressi di Largo Crollalanza alcuni carabinieri camuffati hanno arrestato…

Ingroia, il magistrato dei due mondi, indagato a Palermo

Ingroia, il magistrato dei due mondi, indagato a Palermo. Strano questo ex…

Catanzaro: scontro in tangenziale, un morto

Un tragico schianto in tangenziale, alle 21 di ieri, è costato la…