La gastroenterite, come si trasmette e cosa comporta

Non è difficile accorgersi che è in atto una gastroenterite. Infatti, tra i segnali più evidenti troviamo i crampi che insorgono a livello addominale, spesso accompagnati da vomito e diarrea. Nella maggior parte dei casi i sintomi si manifestano tra 12 e 72 ore rispetto al momento in cui si è sviluppata l’infezione. Qualora la causa dovesse essere un virus, allora di solito si guarisce in maniera spontanea in qualche giorno. Non dobbiamo dimenticare come, in quest’ultimo caso, la patologia comporta spesso anche diversi dolori a livello muscolare, così come mal di testa, malessere generale, stanchezza e febbre. Qualora dovessero insorgere altri problemi, come ad esempio sangue nelle feci, allora la gastroenterite deriva da un’infezione di tipo batterico. Queste ultime hanno una durata di solito più lunga in confronto a quelle virali. Inoltre, nel caso in cui non si dovessero ricevere trattamenti adeguati, possono permanere anche per numerose settimane.

Come si trasmette la gastroenterite

Questa malattia si propaga indubbiamente con grande semplicità. Infatti, la trasmissione può insorgere dopo aver consumato dei cibi che erano contaminati oppure anche condividendo degli oggetti di uso personale. In tutti i bambini che vengono allattati, questa patologia si può trasmettere utilizzando dei biberon che non sono stati perfettamente igienizzati. Tra gli altri motivi che possono favorire la diffusione della gastroenterite troviamo certamente una ridotta igiene personale, così come recarsi presso luoghi in cui vi sono tante persone, come ospedali, scuole, asili e così via.

Le principali conseguenze

Ci sono alcuni effetti che sono tipicamente legati a questa patologia. Tra gli altri, quelli principali sono la notevole perdita di liquidi, ma anche la deplezione di elettroliti. In tanti Paesi in via di sviluppo, si tratta di infezioni praticamente all’ordine del giorno, ma comportano serie conseguenze soprattutto per i bambini colpiti, che hanno poi a che fare con disturbi di malnutrizione e ritardi nella crescita. Capita molto di rado, invece, che come effetto di tale patologia possa svilupparsi la sindrome di Reiter. Si tratta di una particolare forma di spondiloartrite sieronegativa. Può verificarsi ancora più raramente la sindrome di Guillain-Barré, ovvero una forma di polineuropatia demielinizzante acuta.

Come si arriva ad una diagnosi

Di per sé non è particolarmente complicato giungere ad una diagnosi per quanto riguarda questa patologia. Infatti, è sufficiente notare le principali manifestazioni dal punto di vista clinico. Piuttosto di frequente, inoltre, i pediatri suggeriscono di tenere sotto controllo la glicemia, dal momento che nei bambini piuttosto piccoli si può riscontrare anche un notevole abbassamento dei relativi valori. Di solito, questa patologia viene legata ad una deplezione di liquidi, ma anche di calcio, cloro, potassio e sodio. Di conseguenza, è fondamentale tenere sotto controllo i valori ematici degli elettroliti. Nei casi in cui il soggetto colpito vada incontro ad un’importante e seria forma di disidratazione, ecco che si devono tenere sotto controllo i livelli di creatinina sierica. In questo modo si possono individuare eventuali problematiche che si potrebbero manifestare a livello dei reni. Quando tra i sintomi ci sono anche melena o ematochezia, allora si consiglia di effettuare anche l’esame delle feci. In questo modo si può capire se vi sia stata un’intossicazione alimentare.

Come si può trattare la gastroenterite?

Nella maggior parte dei casi, si tratta di una malattia acuta e che si autolimita. Di conseguenza, spesso si evitano delle terapie farmacologiche. In tutti quei soggetti che hanno sofferto di disidratazione, allora si consiglia di reintegrare assumendo molti liquidi. In alcune occasioni, soprattutto quando i soggetti colpiti sono i bambini, ecco si provvede con la somministrazione di metoclopramide. Si tratta di un farmaco che fa parte degli antiemetici, oppure ondansetron, un farmaco antagonista della serotonina.

Via : http://www.guidausofarmaci.it/gastroenterite-acuta/2651

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Storia della Cannabis in Italia: dall’utilizzo per la stampa all’agricoltura

La Canapa legale è di recente utilizzata in diversi ambiti: industriali, alimentari…

Spinaci ritirati dal mercato, erba velenosa presente

Si tratta di un’erba velenosa comunemente detta Mandragola, sarebbe stata rilevata in…

Consigli per avere un ventre piatto

Avere un ventre piatto è il sogno di molte donne ma anche…

Il calciomercato delle siciliane, Palermo cantiere aperto, Trapani prova a sognare

Il Palermo va dritto per la sua strada. Nonostante le contestazioni durante…