Napoli, DIA confisca beni per 6mln a ex consigliere comunale

Marco

Napoli. La D.I.A., Direzione Investigativa Antimafia, ha confiscato beni a Luigi Corvino. Gli agenti hanno anche applicato la misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per due anni e sei mesi.

Luigi Corvino, 49 anni, è un geometra, ex consigliere comunale di Casal di Principe, candidato per le elezioni comunali del 2007 nelle file di Forza Italia ed eletto con 531 preferenze.

Corvino non è nuovo a questo tipo di operazioni: già in passato era stato arrestato in un’operazione che coinvolse altri 56 indagati, accusati a vario titolo di associazione per delinquere di tipo camorristico, estorsione, turbativa delle operazioni di voto mediante corruzioni e/o concussioni elettorali, truffa ai danni dello stato, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico, riciclaggio e reimpiego di capitali di illecita provenienza ed altro, tutti reati aggravati dal solo scopo di aver agevolato il clan “dei Casalesi”.

Dalle indagini erano emersi i legami tra la politica di Casal di Principe e l’ala militare e imprenditoriale del predetto clan, fazione Schiavone e Bidognetti. Corvino aveva il compito di fornire un contributo, assecondando le richieste di assunzione e sostenendo gli interessi economici per ciò che riguardava gli appalti, le forniture, l’edilizia, assicurando così i voti per se stesso e per altri esponenti politici graditi all’organizzazione.

I beni sequestrati a Caserta e in provincia, a Minturno (LT) e Milano, hanno un valore complessivo di circa sei milioni di euro, ed hanno coinvolto 3 società, 10 immobili,  2 autoveicoli e 19 rapporti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ministero dello Sviluppo, risolta vertenza Dema

“Svolta per la vertenza “Dema” al Ministero dello Sviluppo Economico. Nel corso del tavolo tenutosi al Mise alla presenza degli assessori regionali Amedeo Lepore e Sonia Palmieri, al termine della discussione sono stati evitati 100 licenziamenti ed è stato avviato un percorso di rilancio dell’azienda, con la concentrazione delle attività […]