Napoli, ucciso nel sonno fratello di un pentito

Marco

Napoli. Una vera e propria vendetta contro i pentiti della famiglia Sarno. È la prima ipotesi degli inquirenti per spiegare l’uccisione di Giovanni Sarno, raggiunto da due colpi di arma da fuoco nella propria abitazione di rione de Gasperi a Ponticelli, il luogo dove un tempo era la base di Ciro ‘o sindaco.

Gli investigatori collegano l’accaduto all’omicidio Volpicelli, cognato di uno dei fratelli Sarno, una scia di sangue atta a vendicare la decisione dei fratelli Sarno di collaborare con la giustizia. In questi anni, Giuseppe e Ciro Sarno hanno deciso di collaborare con la giustizia, accusando tutti i boss della camorra napoletana e casertana, nel corso di processi contro i clan dei Contini, dei Casalesi e dei clan di Barra e di Acerra.

Sono in corso le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Filippo Beatrice e dai pm Fratello e Valentini, oltre al pool anticamorra. Sono inoltre al lavoro gli uomini della mobile del primo dirigente Lamparelli e del commissariato Ponticelli, diretto dalla dirigente Antonella Andria, con la squadra di polizia giudiziaria sotto coordinamento di Vittorio Porcini.

Giovanni Sarno, 54 anni, era spesso solo e ubriaco dopo la separazione dalla moglie. Lo si trovava spesso accasciato a terra per aver bevuto troppo, in attesa dell’ambulanza. Un obiettivo troppo facile per i killer. E’ stato colpito da due colpi di arma da fuoco alla testa mentre dormiva nel suo letto. Il corpo senza vita è stato trovato da una nipote dell’uomo intorno alle 4. Una citofonata anonima ha avvertito i parenti della vittima dell’omicidio.

Solo 24 ore prima, l’omicidio di Giuseppe Perna, 41 anni, pregiudicato, legato al Clan Pesce-Marfella. L’uomo è stato raggiunto da alcuni colpi di pistola in pieno volto da due persone che hanno fatto irruzione in un pub a Pianura, aprendo liberamente il fuoco e scatenando il panico e lo sconcerto dei presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Corruzione, in manette il sindaco di Maddaloni

In manette il sindaco di Maddaloni, Rosa De Lucia (Forza Italia). L’accusa contestata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) è di tangenti per affidare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. La sindaca 36enne è stata raggiunta da un ordine di carcerazione notificato dai carabinieri […]