‘Ndrangheta, blitz delle Forze Armate

Blitz dei carabinieri del Nucleo investigativo di Torino, tra Torino e Reggio Calabria

Venti arresti nell’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip del tribunale torinese su richiesta della Dda, l’accusa è di affiliazione alla ’ndrangheta e di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata alle estorsioni, usura, traffico di droga e gestione di bische clandestine.

Agli indagati è stata contestata la violazione dell’articolo 416 bis del Codice penale “per avere fatto parte dell’associazione mafiosa denominata ’ndrangheta e segnatamente di un’articolazione della predetta associazione, attiva prevalentemente in Torino, resa nuovamente operativa, quantomeno a far data dal giugno 2014, collegata con le strutture organizzative insediate in Calabria e dotata di propria autonomia e capacità d’azione tale per cui i componenti si avvalevano della forza d’intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne derivava, per commettere reati, per acquistare in modo indiretto il controllo di attività economiche e di autorizzazioni commerciali e per realizzare profitti e vantaggi economici ingiusti”, come si legge nell’ordinanza.

L’indagine, in corso dal 2014, si è conclusa anche con il sostegno di collaboratori di giustizia, cominciando dall’attività di traffico di stupefacenti organizzato dai fratelli Adolfo e Aldo Cosimo Crea arrestati l’8 giugno del 2011 nel corso dell’operazione “Minotauro”, accertando che gli indagati comunicavano tra di loro sia con i “pizzini”, sia con gli smartphone. I due fratelli, considerati boss nel capoluogo piemontese della ’ndrangheta reggina, entrambi con il grado di “padrino”, hanno aggregato pregiudicati già noti, parenti e nuovi giovani emergenti nel contesto criminale cittadino, avviando attività tipiche del controllo mafioso del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Maddaloni, l’interrogatorio del sindaco

Rosa De Lucia, sindaco di Maddaloni arrestata lunedì per l’inchiesta sugli appalti,…

Trans uccisa a Napoli, presunto assassino fermato

Napoli. Un transgender di 63 anni, S.P., è morta alle 2.30 di…

Tragedia in Campania, bimba di tre anni muore dopo malore

Tragedia in Campania, dove S.G., una bambina di soli tre anni, è…

Caso Quarto, sindaco espulso dal M5S

Il sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, è stata espulsa dal M5S, ma…