Primo arresto a Napoli per omicidio stradale

C’è stato ieri il primo arresto a Napoli per omicidio stradale: neanche il tempo di mettere in vigore la legge che subito è stata infranta da un uomo di 37 anni di Somma Vesuviana che ha provocato la morte di un ventottenne .

L’uomo, Alessandro Pepe, al momento dell’incidente guidava una macchina priva di revisione con una velocità doppia a quella consentita.

A rimetterci è stato un ragazzo di 28 anni, che si è visto arrivare ad alta velocità l’Opel Corsa invadendo la carreggiata e schiantandosi con la sua Toyota: la vittima, Antonio Tufano, è morto sul colpo. Nell’auto dell’uomo che poi è finito in manette c’erano anche i suoi due nipoti di 10 e 12 anni che ora sono ricoverati all’ospedale Santobono di Napoli: uno dei bimbi sarebbe in prognosi riservata.

Alessandro Pepe era già noto alle forze dell’ordine, con un auto sprovvista di revisione ed inoltre messa sotto sequestro nel novembre scorso. Inoltre l’uomo guidava anche senza patente che gli era stata ritirata nel 2011 per una condanna per stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *