Puglia, migranti buttati in mare, morta una donna

Tragedia nelle acque del Salento, vicino Capo di Leuca: scafisti gettano in mare dei migranti, una donna somala muore annegata.

Mancano all’appello solo cinque persone: quattro uomini, che sono fuggiti non appena hanno toccato terra, e una donna, trovata senza vita vicino ad uno scoglio, in località “Felloniche”, vicino Capo di Leuca.

Sul posto la Capitaneria di porto, Carabinieri e il nucleo sommozzatori dei Vigili del fuoco. Gli immigrati sbarcati, sono stati ascoltati dalle forze dell’ordine ed hanno raccontato di essere parte di un gruppo composto da 42 persone. Tre donne, per ragioni ancora ignote, sarebbero state gettate in mare: una delle tre è stata recuperata senza vita, mentre un’altra è stata trovata in stato confusionale sugli scogli e tratta in salvo, ma non vi è traccia della terza donna. Quattro uomini sarebbero riusciti a sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine, mentre 28 migranti sono stati trasferiti nel centro di accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto.

Lo sbarco clandestino sarebbe avvenuto intorno alle 3.30 della notte, in tre punti diversi: uno a Marina di Novaglie, in località Ciolo, uno a Leuca e l’ultimo a Felloniche, dove invece il recupero degli  immigrati ha avuto logo lungo la strada. Un uomo è stato recuperato in mare in stato di ipotermia ed è stato trasportato all’ospedale di Tricase dove è stata portata anche una donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *