Sparatorie a Napoli, ferita una ragazza

Napoli. Nella notte tra il 21 e il 22 marzo, una ragazza di 19 anni è rimasta ferita all’anca con un colpo d’arma da fuoco. Secondo la Polizia di Stato, la giovane è stata, molto probabilmente, coinvolta per caso in una sparatoria.

Secondo il racconto di un’amica che era con lei, le ragazze stavano passeggiando verso le due di notte nella zona dei Quartieri spagnoli, in vico Canale a Taverna Penta, quando hanno udito dei colpi di arma da fuoco. Pochi istanti dopo, la ragazza è caduta a terra ferita. Un’autovettura di passaggio le ha accompagnate all’ospedale Loreto Mare dove la giovane è stata operata. Sul luogo gli agenti hanno rinvenuto un bossolo calibro 9.

Nel corso della stessa serata, in un’altra zona di Napoli, al rione don Guanella, intorno alla mezzanotte, alcuni ignoti hanno sparato all’impazzata ben 33 colpi di arma da fuoco, colpendo anche le mura e le inferriate di un palazzo. La Polizia di Stato ipotizza nell’atto un episodio della cosiddetta “stesa”, un raid in motocicletta che gruppi di malviventi appartenenti a clan in lotta mettono in atto nei diversi quartieri. Sul posto sono stati ritrovati 33 bossoli calibro 9 e sono state colpite le inferriate e le mura dell’isolato 56.

“Neanche il tempo di concludere le cerimonie di commemorazione delle vittime innocenti delle mafie che nel giro di una nottata ci ritroviamo una ragazza di 19 anni ferita da colpi d’arma da fuoco ai Quartieri Spagnoli e 33 bossoli ritrovati nel rione don Guanella, effetto di una cosiddetta “stesa”, termine per definire le sventagliate di colpi esplosi all’impazzata per “gridare” la presenza dei clan sul territorio. Fatti che solo per caso non ci hanno restituito l’ennesimo morto ammazzato del 2016 e che devono spingere gli inquirenti a intercettare i nuovi canali che stanno portando molte armi sui territori e quali scambi ci sono alla base di questo traffico”, ha commentato tramite un post su Facebook Vincenzo Viglione, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e segretario della Commissione Anticamorra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *