Steven Spielberg, i primi 70 anni di un genio del cinema

Un compleanno importante, per uno dei protagonisti del cinema mondiale: Steven Spielberg festeggia i suoi primi 70 anni, con una miriade di riconoscimenti al suo talento che fanno di lui un genio indiscusso della settima arte.

Nato a Cincinnati il 18 dicembre 1946,ancora non ha nessuna intenzione di andare in pensione: è di questi giorni la notizia che stia lavorando alla realizzazione di un film sul sequestro di Edgardo Montana, bimbo ebreo di sei anni sottratto alla famiglia dalle autorità clericali nel 1858, per essere allevato come cattolico.

Steven Spielberg non aveva nemmeno 14 anni quando iniziò a destreggiarsi con la prima macchina da presa realizzando filmini amatoriali, di quelli che si guardano in famiglia e di cui si sorride una volta diventati adulti.

Il primo lungometraggio è “Duel”, del 1971, storia di un autista perseguitato da un camionista per le strade d’America, ma il successo planetario arriva a 29 anni, con “Lo squalo” che segna l’inizio del moderno blockbuster.

56 titoli diretti, 22 di cui ha scritto la sceneggiatura, 161 crediti come produttore, la carriera del regista di Cincinnati è vasta e varia.

È sicuramente uno dei registi con più capacità di adattamento e anche olfatto per le buone storie da raccontare, tanto da farlo ribattezzare il ‘Re Mida’ di Hollywood, ed ha all’attivo titoli del calibro di ‘Lo squalo’ (1975), ‘E.T. L’extraterrestre’ (1982), o ‘Schindler’s List'(1993), e poi ancora ‘Salvate il soldato Ryan’ (1998), e ‘Minority Report’ (2002).

In carriera, Spielberg ha vinto tre premi Oscar (nel 1994 per ‘Schindler’s list’ come miglior film e miglior regista e poi nel 1999 di nuovo come miglior regista per ‘Salvate il soldato Ryan’) e un Premio alla memoria Irving G. Thalberg, categoria degli Oscar assegnata periodicamente ai produttori creativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *