Taranto: cibi ittici venduti senza controllo – 13 arresti

Fatto grave e spiacevole è accaduto a Taranto dove, dopo un’inchiesta, è stato scoperto un traffico di prodotti alimentari che venivano rubati e poi venduti senza nessun permesso e controllo.

Il cibo incriminato era composto da frutti id mare e cozze che venivano immessi sul mercato e venduti senza controllo, L’inchiesta è andata a buon fine causando l’arresto di 13 persone con l’accusa di estorsione ai danni di mitilicoltori e ricettazione di prodotti ittici non controllati.

Ad eseguire l’ordine di cattura ci hanno pensato i carabinieri e la guardia costiera di Taranto. Durante le indagini, durata mesi, sono stati sequestrati molti di questi cibi ittici non controllati, in particolar modo cozze e frutti di mare che, se venduti in ambienti poco igienici e se non sono conservati in maniera ottimale e con le dovute accortezze, possono provocare seri danni alla salute dell’uomo.

Di questi 13, 5 rispondono anche di associazione a delinquere per estorsioni nei confronti di allevatori di cozze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti

Industriali di Napoli chiedono sconti fiscali

L’Unione Industriali di Napoli lancia la sfida. Vuole dimostrare che la città…

Cefalù: corruzione aggravata nell’ambito dell’operazione Spiagge libere

Sono state accusate 4 persone di corruzione aggravata avvenuta in merito all’operazione…

Gli ambientalisti difendono la Costa Teatina

Le principali organizzazioni ambientaliste richiedono a gran voce la perimetrazione della Costa…

Lecce, aiuole rifatte immediatamente ricoperte da rifiuti

Ormai via Leuca a Lecce è diventato il paradigma di ciò che…