Terra dei fuochi; ISS: “più tumori e morti”

I rapporti che legano la terra dei fuochi ai tumori.

La Terra dei fuochi è, ancora una volta, al centro della cronaca per le nuove informazioni provenienti dall’Istituto Superiore di Sanità:

stando agli ultimi studi, i cinquantacinque comuni dell’area della Terra dei Fuochi sono sempre più soggetti a malattie, ricoveri, tumori e morte dei cittadini che li abitano; i comuni in questione sono 32 della Provincia di Napoli e 23 della Provincia di Caserta, aree esposte ad un alto rischio di sviluppo di patologie come i tumori.

In queste zone, recita il rapporto dell’ISS, «La mortalità generale è in eccesso rispetto alla media regionale, in entrambi i gruppi di Comuni, sia tra gli uomini che tra le donne»; più nello specifico, «i tumori dell’apparato urinario risultano in eccesso nei Comuni della Provincia di Napoli in entrambi i generi, con un maggiore contributo ascrivibile al tumore della vescica; la mortalità e le ospedalizzazioni per quest’ultima patologia risultano in eccesso anche tra gli uomini dei Comuni della Provincia di Caserta».

Ma i soggetti più a rischio sono i bambini: «si osservano – si legge nel rapporto- eccessi di bambini ricoverati nel primo anno di vita per tutti i tumori e eccessi di tumori del sistema nervoso centrale, questi ultimi anche nella fascia 0-14 anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *